Quo Mado? Un viaggio nelle Madonie

In pieno periodo di lockdown, la mia vita si divideva tra casa e lavoro, dato che sono stata tra i fortunati che non si sono fermati. Tra le mura domestiche, in completa solitudine ne ho approfittato per pensare, scrivere, studiare e coltivare relazioni. Proprio così! Paradossalmente ho sentito e visto più gente durante la quarantena che prima di tale periodo. Ovviamente eravamo separati da uno schermo che a volte era quello del cellulare, a volte quello del computer. Questo momento di “stop” alle nostre vite mi ha fatto capire quanto importanti siano i rapporti interpersonali e quanto è importante la qualità del tempo che dedichiamo agli altri.

Ma cosa c’entra tutto questo con "Quo Mado?" ?

Mi sono resa conto quanto sono stata fortunata a vivere la quarantena in un paesino tranquillo e disciplinato come il mio, Gangi. Ho capito quante risorse ha il mio territorio. In realtà lo avevo capito anche prima ma ora ho piena consapevolezza di ciò e mi sento pronta a mettere in atto strategie che possano dare un contributo concreto al posto in cui vivo: le Madonie.

Da parecchi anni avevo in mente l’idea di sponsorizzare e commercializzare prodotti che non fossero soltanto i miei (azienda Barreca) ma anche quelli di altri produttori del territorio. Già da tempo avevo avanzato la proposta alle mie sorelle- socie ma, per quanto anche loro fossero d’accordo e propense, non sembrava mai il momento giusto per agire. Da sempre ci siamo dette quanto sarebbe stato proficuo per tutti condividere la fortuna di godere di aria pulita, cibo sano, gente accogliente e di far conoscere i nostri posti ai forestieri.

Per lavoro conosciamo diversi imprenditori, alcuni dei quali nel tempo sono diventati amici su cui poter contare.

Così mi sono detta: “perché non creare una rete che non si basi solo su rapporti strettamente commerciali ma che parta invece dalla conoscenza, dalla relazione?” Come fare per rendere “vivo” un prodotto che in genere è contraddistinto solo dal brand di cui di solito si hanno poche informazioni contenute nella sezione -chi siamo- di un sito internet (quando c’è…)?

Ed è con questo intento che nasce Quo Mado?, conoscere direttamente, attraverso video, foto e iniziative varie (già ideate e in attesa di essere concretizzate), i produttori, gli imprenditori, gli artigiani, che faranno parte del nostro viaggio, alla scoperta del cuore delle Madonie.

Le Madonie sono una catena montuosa che fa parte insieme ai monti Peloritani e ai Nebrodi dell’Appennino Siculo.

Nelle Madonie, nel 1989 è stato istituito un Parco per salvaguardare l’apprezzato patrimonio naturalistico e paesaggistico presente.

La vegetazione varia a seconda dell’altitudine della zona in cui ci si trova: a 600-800 metri di quota è caratterizzata dalla macchia mediterranea con arbusti come il sughero e il leccio; fino a 1400 metri si trovano diverse specie di quercia; sopra i 1400 metri il paesaggio è caratterizzato da faggete.

Delle Madonie fanno parte popolosi borghi: Cefalù, Castelbuono, Geraci Siculo, Castellana Sicula, Petralia Soprana e Petralia Sottana, Polizzi Generosa, Caltavuturo, Campofelice di Roccella, Sclafani Bagni, Collesano, Gangi, Alimena, Blufi, Bompietro, Gratteri, Isnello, Lascari e Scillato.

Di questi, Cefalù, Gangi, Geraci Siculo e Petralia Soprana fanno parte dei Borghi più belli d’Italia.

Il paese di Gangi è stato proclamato Il borgo più bello d’Italia nel 2014 e Petralia Soprana nel 2018.

Ogni paese ha tradizioni, prodotti ed eventi unici che scopriremo durante il nostro viaggio!

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati